Transaminasi alte in gravidanza un normale cambiamento fisiologico

Comment

Transaminasi alte
Pubblicità

Transaminasi alte in gravidanza? Un evento normale

La gravidanza è il momento più bello che una donna possa vivere, è caratterizzato da alcuni cambiamenti fisiologici che interessano tutto l’organismo, ma nello specifico i cambiamenti comuni a tutte le donne sono quelli che interessano il fegato; per questo motivo le transaminasi alte in gravidanza si possono definire un evento normale. Certo è che comunque le transaminasi alte designano un qualche tipo di patologia, come lo è la colestasi gravidica. Quest’ultima stabilisce la presenza di un ristagno di bile nei dotti biliari e si manifesta con una sensazione di prurito diffuso in tutto il corpo. Essa è un disturbo innocuo, giacchè non solo non presenta mai nessuna complicanza, ma scompare naturalmente entro due settimane dal parto. Si veda anche il seguente articolo Transaminasi alte in gravidanza: normalità o pericolo?

Pubblicità

Le cause della colestasi gravidica

transaminasi alte in gravidanza indicano la colestasi gravidica

transaminasi alte in gravidanza indicano la colestasi gravidica

Nonostante si manifesti assiduamente la colestasi gravidica è definita un’affezione idiopatica, nel senso che le cause che portano alla stessa non sono ancora del tutto note; c’è però chi azzarda una tesi di natura ormonale. Secondo alcuni, infatti, la causa della colestasi gravidica sarebbe da ricercare nell’aumento della concentrazione di ormoni estrogeni nel periodo proprio della gravidanza. Ma come detto, le cause non sono ancora del tutto note, quello che invece, è certo che bisogna fare in questo caso è avvisare il proprio ginecologo.  Quest’ultimo sicuramente prescriverà delle specifiche analisi del sangue per cercare di capire la natura del prurito, e nello specifico farà controllare il valori delle transaminasi.  Se le stesse confermeranno la presenza della colestasi gravidica il ginecologo potrebbe anche optare per un breve ricovero ospedaliero, per impostare la terapia e controllare l’andamento, ma solo se è strettamente necessario, giacchè come affermato prima questo disturbo scompare da solo.  La terapia di solito consiste nella somministrazione di farmaci che avranno il compito sia di proteggere il fegato che di migliorare le funzionalità dello stesso.

In conclusione c’è da aggiungere che le informazioni riportate sono solo a scopo informativo, e allo stesso scopo si suggerisce la lettura di questo articolo Transaminasi in gravidanza e le relative patologie.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *