Lipasi pancreatiche quali funzioni attivano

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Lipasi pancreatiche quali funzioni attivano

Gli enzimi delle lipasi pancreatiche sono coinvolti nel metabolismo dei lipidi quelle pancreatiche e vengono rilasciate nell’intestino per favorire la digestione dei cibi grassi, in particolare questa funzione viene completa dai sali biliari e dal cofattore colipasi; per cui il pancreas produce la maggiore concentrazione della lipasi circolante nel sangue, nello specifico la lipasi pancreatica viene secreta dal pancreas con lo scopo di prendere parte all’idrolisi dei lipidi. In presenza di danni che colpiscono le cellule del pancreas oppure quando il dotto pancreatico è ostruito aumenta la concentrazione di enzima nel sangue. L’innalzamento della lipasi è di solito connesso con l’incremento dei valori dell’amilasi segnalando in questo modo la presenza di eventuali disfunzioni  visto che l’amilasi è un enzima digestivo che attiva la degradazione degli amidi, ovvero dei carboidrati. In particolare si registra una maggiore concentrazione di lipasi ed amilasi a livello ematico quando sono presenti degli specifici disturbi di origine biliare ed epatica. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Enzimi digestivi e fase digestiva.

Pubblicità

Valori alterati dell’enzima

lipasi pancreatiche

lipasi pancreatiche

La lipasi in quanto enzima lipolitico prodotto dal pancreas e secreto nell’intestino ha il compito di attivare la separazione dei trigliceridi favorendo la scissione in glicerolo ed in acidi grassi. Quando un soggetto risente di una carenza oppure di un’assenza di lipasi, l’assorbimento dei grassi non avviene in maniera corretta ed una parte dei lipidi alimentari passa nelle feci provocando steatorrea ossia una copiosa secrezione di feci dalla consistenza pastosa e dall’aspetto lucido, un sintomo che si manifesta nel contesto di condizioni patologiche connesse con la diminuzione della funzionalità del pancreas. Nel caso di livelli elevati di lipasi pancreatiche bisogna risalire al fattore eziologico che può determinare diversi quadri patologici quali: ulcere buccali e perianali, iperuricemia, iperuricosuria. Maggiori notizie si trovano su Colinesterasi per valutare la funzionalità epatica.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *