Le transaminasi altissime e le relative patologie

Comment

Transaminasi alte
Pubblicità

Cosa c’è alla base delle transaminasi altissime?

Le transaminasi altissime designano l’ipertransaminasemia severa, che si manifesta in casi patologici ben precisi che comprendono l’epatite virale acuta o quella autoimmune, quella autoimmune, o in caso di epatite da farmaci severa, e infine il morbo di Wilson. Andiamo a vedere più nel dettaglio in cosa consistono le suddette patologie. ( Si veda anche il seguente articolo Le transaminasi altissime che cosa indicano?).

Dall’epatite al morbo di Wilson

transaminasi altissime e le diverse forme di disfunzioni epatiche

transaminasi altissime e le diverse forme di disfunzioni epatiche

Per epatite virale acuta si intende un’infiammazione epatica di origine virale, e tra i maggiori responsabili dell’infezione si evincono il virus Epstein-Barr, il citomegalovirus e l’herpes simplex. Questa malattia presenta una remissione spontanea. (Si veda anche Transaminasi alte e l’epatite : esiste un nesso?)

Pubblicità

L’epatite autoimmune è una patologia epatica caratterizzata dalla presenza in circolo di anticorpi specifici, in base ai quali è possibile distinguere tre forme della stessa:

  • tipo 1 caratterizzato dalla presenza degli anticorpi antinucleo e antimuscolo
  • tipo 2 caratterizzato dalla presenza degli anticorpi antimicrosomi delle cellule renali ed epatiche
  • tipo 3 caratterizzato dalla presenza di anticorpi anticitocheratine plasmatiche.

L’epatite da farmaci è caratterizzata dalla morte delle cellule epatiche, a causa di un’infiltrazione di cellule infiammatorie.

Il morbo di Wilson è una malattia rara  che causa un eccessivo accumulo di rame nel fegato. Essa è causata da un difetto genetico che si traduce in un errore del trasportatore di rame presente nelle cellule del fegato; ciò comporta una minore escrezione biliare e il conseguente accumulo del metallo nell’organo epatico.

Questa sono solo alcune delle maggiori cause che portano alle transaminasi altissime, ed è giusto precisare che le stesse non sono gli unici sintomi delle sopra presenti patologie, ma rappresentano un aiuto diagnostico in più. Quindi, in conclusione è necessario dire che le informazioni riportate in questo articolo sono solo a scopo puramente indicativo ed informativo e non devono essere utilizzati per la formulazione di auto diagnosi. Per queste c’è il proprio medico curante.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *