Tags:

Glucochinasi quale compito svolge l’enzima

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Glucochinasi quale compito svolge l’enzima

Della categoria delle transferasi fa parte anche un enzima come la  glucochinasi presente nel pancreas, nel fegato, nell’intestino e nel cervello, il cui compito principale è quello di trasferire un fosforile dall’ATP al glucosio, la sua presenza è transitoria, e lo si trova principalmente dopo aver mangiato quando la glicemia nel sangue può passare da 5 mM fino anche a 12-14 mM, in quanto è un enzima inducibile si evidenzia nella cellula quando essa ne ha bisogno e non è presente se non è necessaria la sua azione. La glucochinasi ha la capacità di coniugarsi con il glucosio solo quando questo è presente nel sangue a concentrazioni elevate, indirizzando infine il prodotto verso la via anabolica che determina la sintesi di glicogeno determinando l’abbassamento della concentrazione di glucosio in circolo. Quindi l’enzima permette che avvenga un  rapido abbattimento della concentrazione di glucosio intracellulare e, di conseguenza, la concentrazione di glucosio nel sangue diminuisce per gradiente, entrando nelle cellule. L’azione dell’insulina per abbassare la concentrazione glucidica in circolo provoca uno stimolo diretto nei confronti degli epatociti ne consegue la sintesi di grandi quantità di enzima glucochinasi si avvia così la sintesi del glicogeno e il meccanismo di immagazzinamento del glucosio nel fegato.

Pubblicità

Il processo di degradazione

glucochinasi

glucochinasi

La glucochinasi è sensibile agli enzimi proteolitici che la degradano, ogni molecola dell’enzima dopo il processo di degenerazione viene sostituita da una molecola nuova fino a quanto è presente il segnale dell’insulina, quando la concentrazione di insulina si abbassa viene ostacolata la produzione della glucochinasi. Nell’epatocita si verifica la glicolisi ma anche una rapida cattura del glucosio ematico con lo scopo di accumularlo negli epatociti come materiale di riserva e poi utilizzarlo in caso di necessità: il glicogeno costituisce la riserva energetica dell’organismo e viene trattenuto nelle cellule del fegato e dei muscoli nella forma di granuli, nel caso in cui l’organismo non assume attarverso la dieta abbastanza carboidrati allora vengono consumate le scorte di glicogeno.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *