Gamma-glutamil-transpeptidasi quali informazioni fornisce

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Gamma-glutamil-transpeptidasi quali informazioni fornisce

Una glicoproteina legata alla membrana plasmatica responsabile della sintesi intracellulare di glutatione come la gamma-glutamil-transpeptidasi (γ-GT) viene monitorata attraverso gli esami del sangue soprattutto nello screening delle patologie del fegato dovute all’assunzione di farmaci (rifampicina, statine, antiepilettici) oppure all’abuso di alcol, ed infatti la sua attività ematica aumenta in maniera marcata soprattutto negli alcolisti, dal momento che l’alcool etilico rappresenta un induttore della sua sintesi epatica. Il dosaggio del gamma glutamil transpeptidasi è un parametro importante nel caso di epatopatie da danno cellulare e soprattutto nella colestasi. Normalmente questo enzima è presente principalmente a livello epatico mentre la sua presenza nel sangue è alquanto bassa, ma costituisce un indice di alterazione della funzionalità del fegatovisto che i suoi valori si alzano se insorgono danni a livello epatico o se ci sono anomalie a livello dei dotti biliari. Per reperire maggiori informazioni sugli enzimi epatici si rimanda alla lettura dell’articolo http://www.cghlab.com/esami/CGH%20-%20Enzimi_e_diagnostica_correlata.htm.

Pubblicità

I meccanismi che possono provocare aumento dell’attività degli enzimi

gamma-glutamil-transpeptidasi

gamma-glutamil-transpeptidasi

Il verificarsi di diversi meccanismi, che possono anche associarsi tra loro, può provocare un aumento importante dell’attività degli enzimi sierici, ad esempio si può registarer un incremento della mobilizzazione degli enzimi intracellulari in presenza o in assenza di necrosi cellulare, una condizione che tende ad interessare soprattutto i cosiddetti enzimi della lisi; alcune volte poi l’attività enzimatica può risultare aumentata sotto l’influenza diretta dell’incremento di sintesi dovuto al processo di induzione, oppure come conseguenza di un’attivazione genica o come conseguenza di un’eccessiva proliferazione delle cellule che producono l’enzima in presenza di fenomeni neoplastici; inoltre l’aumento dell’attività enzimatica può essere determinato da una ridotta escrezione urinaria che interessa naturalmente gli enzimi coinvolti in questa via. Può destare preoccupazione per la salute anche l’evento opposto, ossia una significativa diminuzione dell’attività enzimatica, anche se si tratta di una condizione alquanto rara, questa anomalia si riscontra nel contesto della pseudo colinesterasi.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *