Epatite autoimmune come si evidenzia

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Epatite autoimmune causata da un difetto del sistema immunitario

Una patologia su base autoimmune come l’epatite autoimmune riguarda il fegato ed è causata da un difetto del sistema immunitario che riconosce erroneamente cellule e tessuti dell’organo come estranei all’organismo e li aggredisce come se si trattasse di virus e di batteri. L’azione degli autoanticorpi è indirizzata contro l’organo scatenando un focus flogistico di natura cronica e progressiva che distrugge i tessuti provocando l’insufficienza epatica oppure casi di ipertensione portale. L’epatite autoimmune è una patologia che colpisce soprattutto le donne e tende a svilupparsi soprattutto tra i soggetti tra i 40 ed i 70 anni di età, anche se generalmente può insorgere in ogni momento. Di fatto tra i principali fattori di rischio vanno menzionati i seguenti elementi: l’età giovane, il sesso femminile, una storia clinica caratterizzata da un’altra malattia autoimmuni, la presenza di infezioni virali o batteriche, l’uso di alcuni farmaci. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Alterazioni a livello epatico esami.

Pubblicità

I diversi tipi

epatite autoimmune

epatite autoimmune

Questa malattia autoimmune quando si manifesta in età giovanile si caratterizza per un quadro clinico con sintomi spesso aggressivi e di progressione rapida che vengono provocati a partire dall’infiammazione che può talvolta determinare la cirrosi ed altri tipi di danni a carattere permanente. In alcuni casi la condizione  insorge senza sintomi, sfociando con il passare del tempo in una stanchezza intensa che assume i tratti di un’astenia cronica. Il paziente colpito da epatite autoimmune presenta spesso altre patologie autoimmuni come: colite ulcerosa e tiroiditi. L’epatite autoimmune viene classificata in due tipi in base alla presenza degli specifici anticorpi: il Tipo 1, che rappresenta la forma più comune e quella che si associa ad altre malattie autoimmuni, come colite ulcerosa, tiroiditi, artrite reumatoide, si caratterizza per la positività agli anticorpi antinucleo (ANA) oppure antimuscolo liscio (ASMA); il Tipo 2 è positivo per anticorpi microsomiali fegato-rene (LKM1) e si manifesta con maggior frequenza nelle donne di giovane età con altre patologie su base autoimmune; in genere si distingue anche un tipo 3 che presenta la positività ad altri tipi di autoanticorpi. Altre notizie su Determinazione delle transaminasi esami.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *