Determinazione delle transaminasi esami

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Determinazione delle transaminasi esami

Attraverso un iter diagnostico approfondito si può arrivare alla determinazione delle transaminasi con degli specifici esami del sangue, oltre a fornire i valori i questo indice, mediante le adeguate analisi è possibile anche ricercare la causa che possa spiegare il motivo dell’alterazione enzimatica riscontrata. La letteratura clinica evidenzia non pochi casi in cui le ipertransaminasemie persistenti restano prive di una causa certa nonostante un’indagine di tipo diagnostico adeguata. Quando si riscontra un aumento delle transaminasi GPT denuncia un’alterazione o un dissolvimento delle cellule epatiche, se invece si riscontra un innalzamento dei livelli di GOT allora ci potrebbe essere un danno oppure una lesione del tessuto muscolare. Attraverso l’iter diagnostico appropriato si può arrivare ad identificare il tipo di epatopatia oppure un’altra condizione patologica che determina un incremento costante dei valori delle transaminasi, ma allo stesso modo identificando i fattori eziologici dell’ipertransaminasemia sarà possibile impostare l’approccio terapeutico più adatto. Per altre notizie si rimanda alla lettura dell’articolo Transaminasi gpt e got: alterazioni.

Pubblicità

Il controllo delle transaminasi

determinazione delle transaminasi esami

determinazione delle transaminasi esami

Il dosaggio delle transaminasi viene utilizzato per diagnosticare alcune malattie a livello epatico per valutare principalmente la funzionalità del fegato, oppure delle malattie legate al miocardio. In genere oltre a controllare i livelli enzimatici con regolarità, con esami dalla cadenza di 2-3 mesi di distanza l’uno dall’altro, il medico può prescrivere anche ad altri esami per valutare la funzionalità epatica, e tra gli indici da valutare ci sono: fosfatasi alcalina, gamma GT, bilirubinemia, emocromo, elettroforesi proteica. Per cui non vanno sottovalutate le transaminasi che costantemente si mantengono su valori elevati, in particolare se tale anomalia è accompagnata da un quadro clinico asintomatico è opportuno indagare la condizione con maggiore scrupolosità perché tale dato può costituire la spia di una patologia anche molto grave che si presenta come clinicamente silente. Maggiori notizie si trovano su Transaminasi alte infarto del miocardio: diagnosi.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *