Analisi del sangue per valutare la funzionalità epatica

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Analisi del sangue: test delle transaminasi alt e got

Tra gli accertamenti che vengono in genere prescritti per valutare la funzionalità epatica ci sono le consuete analisi del sangue nel cui referto vengono riportati tra gli indici di maggiore rilevanza la bilirubina, i valori di ast, AlPh, alt. Questi esami permettono infatti di rilevare eventuali malattie del fegato a partire dalla constatazione della presenza di sintomi caratteristici che rappresentano il campanello d’allarme di un’alterazione a livello epatico, il medico infatti prescrive questa serie di esami a quei pazienti che lamentano sintomi quali: dolore e gonfiore addominali, itterizia, urine scure, nausea e vomito. In particolare il test dell’alt è un predittore dell’esposizione al virus dell’epatite ma è anche utile per valutare la validità a livello clinico della terapia prescritte in caso di malattia epatica. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Transaminasi gpt e got alte: che problema c’è?

Pubblicità

Concentrazione di ast  nel sangue

analisi del sangue

analisi del sangue

Un altro esame utile si esegue sempre a partire da un campione di sangue è quello che permette di rilevare la concentrazione di ast nel sangue: i valori di aspartato amino transferasi, indicati anche con la sigla got ovvero glutammico ossalacetico transaminasi permette di registrare i livelli di questo enzima presente  nel cuore e nel fegato, ma anche in altre parti del corpo ma  in concentrazioni inferiori, ed infatti le transaminasi got sono presenti anche nei muscoli, nei reni, nel cervello e nel pancreas. Quando si riscontrano a livello ematico livelli alti di questo gruppo di enzimi allora il soggetto può essere interessato da un danno del fegato o del cuore subiscono, nello specifico se i risultati dell’esame del sangue evidenziano dei valori superiori di transaminasi got rispetto a quelli normali allora tra le possibili eziologie ci possono essere: steatosi epatica, ossia fegato grasso; cirrosi; epatiti; ittero ostruttivo. Inoltre un aumento di questo gruppo di enzimi può essere imputabile anche ad altre condizioni patologiche che coinvolgono altri organi come ad esempio: obesità, mononucleosi, distrofie muscolari, traumi, problemi di tipo circolatorio, pancreatite, distruzione eccessiva dei globuli rossi. Maggiori notizie su Ipertransaminasemia come risalire alle possibili eziologie.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *