Amilasi per verificare la funzionalità del pancreas

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Amilasi per verificare la funzionalità del pancreas

Tra gli enzimi che aiutano la fase digestiva, l’amilasi rappresenta un parametro utile per verificare la funzionalità del pancreas, per cui in presenza di livelli alti oppure bassi si possono diagnosticare eventuali alterazioni della funzionalità pancreatica. Quando si parla di amilasi si fa riferimento ad un gruppo di enzimi metabolici presenti anche a livello delle ghiandole salivari, dell’intestino, delle tube dell’apparato genitale femminile, ma questi enzimi vengono anche secreti da fegato, reni e polmoni. In condizioni normali l’amilasi è presente in piccole concentrazioni nel sangue e nelle urine, se invece il soggetto presenta dei problemi i livelli di questi enzimi aumentano sia a livello ematico che nelle urine. Si riscontrano degli aumenti dei valori nel caso di diverse condizioni patologiche quali: pancreatite, dotto pancreatico ostruito, formazioni tumorali. In genere questo esame si esegue per formulare la diagnosi della pancreatite, per cui dall’indagine sierica è possibile identificare nel soggetto la condizione di pancreatite acuta. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Enzimi digestivi e fase digestiva.

Pubblicità

Come monitorare il quadro clinico della pancreatite

amilasi per verificare la funzionalità del pancreas

amilasi per verificare la funzionalità del pancreas

L’aumento dell’amilasi sierica è causato dall’aumento dell’enzima presente in circolo a cui si associa una ridotta eliminazione, di solito poi l’esame viene usato per monitorare il quadro clinico della pancreatite acuta ma anche per controllare altri disturbi del pancreas. In presenza di una concentrazione troppo alta di amilasi è necessario individuare il tipo di enzima implicato nell’aumentato, per poter risalire al distretto colpito da problema si esegue il dosaggio degli isoenzimi per riscontare il valore specifico delle amilasi pancreatiche: in caso di un livello superiore ai valori considerati normali si può sospettare un’infiammazione acuta del pancreas; in caso di valori molto bassi il soggetto potrebbe presentare una condizione di pancreatite di natura cronica caratterizzata da un deficit della funzionalità del pancreas. Altre notizie su Colinesterasi per valutare la funzionalità epatica.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *