Accumulo di grasso nel fegato NASH

Comment

Approfondimenti
Pubblicità

Accumulo di grasso nel fegato NASH

A causa dell’eccessivo accumulo di grasso nel fegato nella forma di trigliceridi si può verificare l’insorgenza della steatoepatite definita a livello clinico NASH (NonAlcoholic SteatoHepatitis) che rappresenta la forma più preoccupante di steatosi non alcolica che può scatenare diversi gradi di fibrosi. Questa forma di steatoepatite è associata ad un decorso progressivo che può portare alla cirrosi, al quadro clinico dell’insufficienza epatica terminale, oppure verso l’HCC (hepatocellular carcinoma) ossia l’epatocarcinoma. L’accumulo di grasso nel fegato si accompagna in tal caso ad un processo di flogosi ma anche la formazione di lesioni epatiche; nella maggior parte dei casi i soggetti colpiti da steatoepatite non alcolica non risentono di sintomi. La patologia può assumere anche dei connotati gravi riconducibili al quadro clinico dell’epatopatia alcolica, in questa condizione il fegato viene interessato da danni di carattere permanente che ne alterano il corretto funzionamento. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Quadro clinico dell’epatopatia alcolica.

Pubblicità

Diagnosi e trattamenti

accumulo di grasso nel fegato NASH

accumulo di grasso nel fegato NASH

A livello clinico bisogna fare una diagnosi differenziale tra due differenti condizioni patologiche: fegato grasso e steatoepatite non alcolica; in presenza di un accumulo di grasso nel fegato non associato ad infiammazioni oppure a danni e lesioni dell’organo si parla di fegato grasso; nel caso in cui il paziente presenta un accumulo di trigliceridi nel fegato con infiammazione e lesioni allora si deve far riferimento al quadro clinico della NASH. In genere dalle analisi del sangue e da una comune ecografia epatica si evidenzia la presenza di grasso nel fegato che fa presupporre la condizione del fegato grasso non alcolico; solo attraverso l’esecuzione di una biopsia è possibile evidenziare la steatoepatite non alcolica. Dal momento che non sono state formulate delle terapie specifiche per trattare il disturbo, attualmente l’approccio è di tipo dietetico e pratico, per cui oltre a non bere alcolici è opportuno seguire una dieta sana ed equilibrata, se necessario è bene dimagrire e fare attività fisica. Maggiori notizie su Alterazioni del fegato transaminasi gpt.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *